Mulino Alimentare Spa protagonista su Italia Uno nella rubrica “THE WINNER”

Giovedi 23 giugno alle 19,00 nella seconda parte di Studio Aperto (19,00 – 19,15)

 

a-guidetti-claudio-intervistato-vera-gandini-cop-ridLa fortunata rubrica “The Winner”, dedicata alle aziende di successo, ha fatto tappa a Parma nei giorni immediatamente precedenti a “Cibus” e il prossimo giovedi 23 giugno, nell’ambito di Studio Aperto Italia Uno (ore 19,00 19,15),  racconterà la storia di Mulino Alimentare SpA.

Una delle 10 storie di successo imprenditoriale italiano che la trasmissione della rete Mediaset, condotta da Vera Gandini,  ha selezionato degna di essere portata all’attenzione nazionale e raccontata.

Mulino Alimentare spa, nell’arco di pochi anni, sotto la attenta guida di Claudio Guidetti, è riuscita ad affermarsi tra i grandi player del comparto lattiero caseario nazionale. Innovazione, capacità manageriali e sopratutto un approccio moderno ed efficiente al mercato internazionale, hanno consentito all’azienda parmigiana di affermarsi sui mercato esteri (oltre il 70% del fatturato è realizzato oltre confine) e occupare quote di mercato rilevanti in diversi paesi esteri, tra cui Canada, Francia e Irlanda.

Un’avventura che Vera Gandini e Italia Uno racconteranno, con il consueto “taglio” frizzante tipico del palinsesto del canale “giovanile” del Gruppo Mediaset, a partire dalle 19-19,15 di giovedi 23 giugno nella seconda parte di Studio Aperto intorno alle 19,00.

Cibus 2016 – Ospiti illustri al Mulino Alimentare di Parma

cibus-2016-ospiti-illustri-al-mulino-alimentare-di-parmaParma 9 maggio 2016 – L’eco del successo dell’esperienza di Mulino Alimentare S.P.A. ottenuta con il Parmigiano Reggiano in Canada e Nord America, e ora estesa anche a altri formaggi italiano, ha raccolto il consenso e il riconoscimento del lavoro svolto da parte dei massimi vertici del mondo politico e istituzionale, regionale nazionale.

Alla giornata inaugurale della 18esima edizione di Cibus a Parma, lo stand di Mulino Alimentare ha visto illustri ospiti come il Ministro Maurizio Martina accompagnato dalla assessore regionale all’agricoltura Simona Caselli e poco dopo dalla visita dell’ex Premier Enrico Letta che da diverso tempo segue con attenzione il lavoro di Mulino Alimentare in Nord America.

L’educazione del consumatore estero per contrastare il fenomeno dell’Italian Sounding

Toronto con Console

Con una previsione di 2mila top buyer stranieri Cibus rappresenta una delle più importanti occasione per la promozione del Made in Italy e una elegante vetrina per le aziende e per il lancio di nuovi prodotti.

Parma, 1 maggio 2016 – L’Export agroalimentare italiano ha superato i 34 miliardi di euro con l’obiettivo di raggiungere la soglia dei 50 miliardi entro il 2020.

Una sfida lanciata in più occasioni dal Ministro Maurizio Martina chiedendo alle maggiori imprese e alle più accreditate Fiere agroalimentari, CIBUS compresa, di operare congiuntamente per aprire la strada ai prodotti di qualità nazionale così apprezzati ma altrettanto imitati in ogni angolo del mondo.

Alcune recenti stime, infatti, indicano in 60 miliardi il valore dell’Italian Sounding che, in pratica, rappresenta quasi il doppio del totale del valore nazionale  esportato.

Claudio Guidetti - Mulino Alimentare“Riappropriarsi di una quota di quello spazio ingiustamente presidiato da improbabili imitazioni del meglio della produzione agroalimentare nazionale, è il commento di Claudio Guidetti CEO di Mulino Alimentare S.p.A. , rappresenta un dovere morale oltre che un ottimo affare per la nostra industria alimentare.

E Cibus rappresenta, senza ombra di dubbio, uno dei palcoscenici più importanti da calcare  per una azienda così fortemente orientata all’export quale è la nostra.  Un’occasione imperdibile per presentare le nostre novità che ci vedono coinvolti a tutto campo, dai nuovi prodotti alle novità organizzative.”

Mulino Alimentare S.p.A. è uno dei big player nazionali del comparto export caseario che sta assumendo il ruolo di portabandiera delle principali DOP nazionali sulle tavole dei consumatori nord americani e in altri Paesi esteri  dove è presente con  quote di mercato di rilievo. “Abbiamo aperto la strada con il Re dei formaggi facendoci capofila di un progetto di filiera solidamente radicato sul territorio d’origine, e  visto l’interesse suscitato,- continua Guidetti –  ma soprattutto, appurato il successo del modello, lo abbiamo esteso  anche a altre DOP italiane contribuendo a quel processo di educazione alimentare indispensabile a fare apprezzare il vero e unico gusto delle nostre produzioni regionali in campo caseario.”

Parmigiano Reggiano, Grana Padano ma anche Pecorino Romano e Asiago, per citare i più noti formaggi nazionali che hanno intrapreso la strada dell’export, attraverso Mulino Alimentare il cui fatturato si realizza per il 70% oltre i confini nazionali (a fronte di una media export del settore del 25% circa).

Cubotti Antico Caseificio Parmigiano Reggiano BIOMolte le novità che l’azienda parmense presenterà al prossimo e imminente CIBUS in programma a Parma dal 9 al 12 maggio.  Sul fronte dei prodotti, oltre all’ampliamento  delle DOP italiane di pregio entrate nella gamma aziendale, val la pena di citare le nuove selezioni di Parmigiano ReggianoBio” per soddisfare il sempre più crescente interesse dei consumatori, e i “Cubotti“, le monoporzioni custodite nelle pratiche confezioni ad alto contenuto di servizio.

Mulino Alimentare vista aereaSul fronte organizzativo e della qualità, Mulino Alimentare si presenta con il definitivo consolidamento della “Filiera” del Parmigiano Reggiano e con il nuovo e più funzionale stabilimento in via di costruzione nelle immediate vicinanze del casello autostradale di Parma e che sarà inaugurato entro la primavera del prossimo anno.

Dove va il Parmigiano?

dove-va-il-parmigianoIn un comparto lattiero caseario che sta attraversando uno stato di crisi fortemente preoccupante, il Parmigiano Reggiano prosegue la sua corsa al rialzo trascinando però un aumento della produzione che potrebbe, il condizionale è d’obbligo, compromettere la durata del periodo di positività se la domanda non fosse in grado di assorbire la maggior disponibilità di prodotto.

di Virgilio Parma, 05 marzo 2016 – (grafici in galleria immagini)
Il comparto lattiero caseario non sta certamente attraversando uno delle suoi più floridi periodi.
La prima campagna lattiera (aprile 2015- marzo 2016) oefana dal “pendizio” delle quote latte è stata contraddistinta dal crollo del valore del latte e dei suoi derivati.
Una caduta libera che ha contribuito a consolidare la crisi delle due principali DOP, Grana Padano e Parmigiano Reggiano in particolare.
Questo almeno sino a ottobre scorso quando, sorprendendo un po’ tutti gli operatori ormai scoraggiati, i mercati delle due eccellenze si sono lievemente distaccati dalla curva flessiva invertendo la tendenza negativa.

Mentre il Parmigiano Reggiano non ha più interrotto il costante percorso di risalita, il Padano si è mosso molto più modestamente.
Dove andrà a finire il prezzo del Parmigiano Reggiano è difficile da prevedere, tant’è che tutte le volte che qualcuno ha tentato delle previsioni si è infranto contro la dura legge del mercato.

In questi giorni due sono gli elementi che fanno pensare e che teoricamente sarebbero in conflitto soprattutto per un prodotto assoggettato a domanda pressoché rigida:
1. le quotazioni rialziste;
2. l’incremento produttivo.

E’ dei giorni scorsi la notizia (26 febbraio) che i grandi player del comparto si sono dati battaglia nell’aggiudicarsi i 19 lotti in cui erano suddivise le 40mila forme andate all’asta a seguito della procedura concordataria dei Magazzini Emiliani e della Bergamaschi di Suzzara.
Alla fine dalla vendita all’incanto si è realizzato un ricavo sensibilmente più alto delle previsioni portando all’incasso ben 22 milioni di euro che potranno soddisfare il ristoro dei crediti delle aziende in concordato. Presenti direttamente all’asta erano infatti i rappresentanti dei Big del settore, della Boni spa di Parma, della Zanetti Spa di Bergamo, della Mulino Alimentare spa anch’essa di Parma seppure la proprietà del reggiano Claudio Guidetti, la Parma Reggio Spa di Reggio e Modena, la Nuova Castelli di Reggio e la Colla Spa di Piacenza. Nessuno ha voluto sottrarsi allo scontro per assicurarsi una quota del prezioso prodotto.

Proprio la massiccia presenza dei grandi commercianti, che hanno battuto prezzi con punte anche superiori ai 10 euro (media 9€/Kg.), lascia intendere che la curva discendente non si dovrebbe innescare troppo presto.

Se questo episodio, che vede tutti i grandi operatori disponibili a mantenere elevato il prezzo, non vi fosse stato sarebbe invece il caso di cominciare a allarmarsi per l’incremento produttivo che il risveglio del mercato ha stimolato. Già dai primi segnali di ripresa – come può evincersi dal grafico CLAL in galleria immagini – dello scorso mese di ottobre, gli allevatori hanno ricominciato a incrementare sensibilmente la produzione.

+2,7%, +3,3%, 5,2% e +5,7% la scala di crescita da ottobre a dicembre 2015 per giungere a gennaio 2016 (ultimi dati ufficiali) mese nel quale si sono registrate 297.493 forme di Parmigiano Reggiano, quasi 16.000 più del gennaio 2015 e quasi 40.000 in più rispetto al novembre 2014.
Un’euforia che potrebbe essere pagata a caro prezzo se il mercato domestico non dovesse riprendersi e soprattutto se i Big Player non riuscissero a incrementare le esportazioni.

Su quest’ultimo fronte i segnali sono positivi, dal Canada alla Cina il Parmigiano è nei sogni di tanti consumatori e sarebbe sufficiente erodere una piccola quota di mercato al “Parmigiano Fake” (solo negli USA sono 100.000 le tonnellate di prodotto prodotti venduti con il termine “parmesan” e in confezioni che palesemente richiamano l’Italia) per annullare ogni timore di una prossima pesante crisi.

 

fonte: Gazzetta dell’Emilia