Cibus 2018 – le restrizioni USA non preoccupano le aziende virtuose

Nella terza giornata di Cibus si è ampiamente dibattuto su qualità, distribuzione e scelte dei consumatori.

di Redazione Baganzola 10 maggio 2018 —

Tra i Focus esposti nell’ampia vetrina convegnistica di Cibus 2018, non poteva mancare l’argomento che riguarda uno dei mercati più importanti per l’agroalimentare; quello statunitense appunto e in particolare quello che riguarda la nuova normativa che regola le importazioni di cibo dall’Italia (FSMA-Food Safety Modernization Act).

Quest’aspetto è stato analizzato nel corso del convegno “FSMA: Opportunità e sfide per l’industria alimentare”, organizzato da Tecnoalimenti.

“Le aziende italiane virtuose”, ha dichiarato Armando De Nigris, Presidente del Consorzio Tradizione Italiana, “non considerano l’FSMA come una sfida ed erano già pronte a questa legislazione, quindi ben vengano le restrizioni che impongono una selezione sulla qualità”.

Un’aspetto ben chiaro e noto a Mulino Alimentare Spa il cui principale mercato di riferimento è quello estero (oltre il 70% della produzione è destinata alle tavole d’oltralpe) e che a CIBUS International Food Exhibition, (Padiglione 2 Stand A030) registrato il consolidarsi del suo appeal estero con un gran numero di buyer interessati alla gamma di prodotti caseari in gamma al “Mulino Alimentare”.

#cibus2018 #cibusparma